Tag Archives: muto; mutuo prima casa; comprare casa

Mutuo prima casa: istruzioni per l’uso

Dominvestonline 25/08/2017

Hai trovato la casa dei tuoi sogni e vuoi accedere al mutuo prima casa ma non sai come fare? Una volta che avrai scelto l’immobile, dovrai sederti a riflettere e dovrai cercare di capire di quale cifra hai bisogno. Sappi però che il mutuo prima casa potrà essere coperto dalla banca fino all’80% del valore dell’immobile. Tuttavia alcuni istituti bancari possono arrivare a finanziare anche il 100% del prezzo dell’immobile. In questo caso, ovviamente, gli interessi saranno più elevati.

Il mutuo

Individuata la casa e stabilita la somma di cui si necessita non dovrai far altro che valutare le offerte di mutuo di un numero diverso di banche.
La proposta che dovrai prendere in considerazione sarà quella che più si avvicina alle tue esigenze. Una volta che avrai identificato mutuo e banca non ti resterà altro che compilare la tua richiesta di mutuo. Questa deve contenere tutte le informazioni necessarie affinché la banca possa concederti il prestito. Quindi, oltre ai tuoi dati anagrafici, dovrà essere indicata anche la composizione del tuo nucleo familiare, la tua posizione lavorativa e il tuo reddito netto. Altresì necessaria la descrizione della casa oggetto della compravendita e del suo valore, così come l’esatta indicazione delle pertinenze.
Solo con questi dati la banca potrà esprimere il suo parere di fattibilità.

Ma da che cosa dipende la concessione del mutuo? Essa dipende da quattro elementi:

dal tuo reddito;

dal valore della casa per cui stai richiedendo il mutuo;

dalle eventuali garanzie aggiuntive di terzi;

dal rapporto “rata/reddito” stabilito dall’istituto bancario.

Questo perlopiù verrà fissato nella misura del 30% del tuo reddito mensile. Il tutto farà sì che venga garantita la restituzione del dovuto. Allo stesso tempo, l’esborso non sarà così eccessivo da gravare sul tuo bilancio mensile.

Documentazione da inoltrare alla banca

Una volta ricevuto il parere positivo da parte della banca, il tuo compito sarà quello di inviarle la documentazione necessaria affinché la procedura possa essere avviata. Quest’ultima deve confermare ciò che è stato precedentemente dichiarato nella richiesta di mutuo. La documentazione varierà a seconda che tu sia un lavoratore dipendente, autonomo o libero professionista.
Se sei un lavoratore dipendente dovrai fornire alla banca una dichiarazione del tuo datore di lavoro riguardante la tua anzianità di servizio. Dovrai inoltre fornire all’istituto la tua ultima busta paga e la copia della tua ultima dichiarazione dei redditi.

Se invece sei un lavoratore autonomo o un libero professionista dovrai premunirti di fornire le copie del modello unico. Il libero professionista deve corredare anche la documentazione con l’attestato di iscrizione al suo Albo di riferimento, mentre il lavoratore autonomo deve fornire l’estratto della CCIAA.

Solamente quando la banca avrà acquisito tutta la tua documentazione e avrà effettuato tutti gli accertamenti delibererà in merito all’erogazione del finanziamento. Quindi te ne darà subito comunicazione fissando anche il giorno in cui dovrà avvenire la stipula dell’atto finanziamento, un atto pubblico che dovrà svolgersi davanti a un notaio.

Elementi necessari affinché un immobile venga considerato prima casa

Il tuo immobile sarà classificato come prima casa e potrà godere di importanti agevolazioni fiscali solo nel caso in cui non risulti essere una casa di lusso. Ancora, al momento dell’acquisto, affinché venga considerato come prima casa tu non dovrai possedere altri immobili nel medesimo comune per il quale chiedi il mutuo; inoltre non dovrai aver usufruito in passato del mutuo prima casa e dovrai acquistare l’immobile in quanto persona fisica. Oltre a ciò sarà necessario che tu sia residente nel comune in cui è ubicata la casa.

Scopri di più